Seguici    
Accedi

Effettua il LOGIN

Hai dimenticato la password?
REGISTRATI ADESSO!

oppure accedi tramite...

 

Medicina di guerra

Autunno 1915: pochi mesi di guerra sono stati sufficienti per rendersi conto che l'organizzazione della sanità militare è tragicamente inadeguata ad una guerra moderna. Non solo mancano attrezzature e materiali, ma anche personale qualificato. Per far fronte a questa emergenza il governo italiano delibera, nel gennaio 1916, l'istituzione di una Scuola medica da campo, a San Giorgio di Nogaro, in zona di guerra: una vera e propria Università al fronte, dove tra il febbraio 1916 e la primavera del '17 si tengono corsi accelerati di medicina e chirurgia per oltre mille studenti. Sono ragazzi che si trovano a fare pratica sui corpi dei soldati appena feriti, in un contesto in cui la medicina è chiamata a far fronte a lesioni e traumi mai conosciuti fino ad allora. 

Medicina di guerra, di A. Branchi e F. Cataldi

Tags

Condividi questo articolo

Inserisci il codice nel tuo articolo