Seguici    
Accedi

Effettua il LOGIN

Hai dimenticato la password?
REGISTRATI ADESSO!

oppure accedi tramite...

 

Gli stati europei alla fine della guerra

A conclusione della prima guerra mondiale si delinea, nei paesi che vi hanno preso parte, un nuovo panorama economico e sociale, caratterizzato da un impoverimento generale e da conflitti interni sempre più aspri. Nell’Europa postbellica, l’ideale rivoluzionario si fa strada tra le classi più disagiate, che hanno perso fiducia nel progresso sociale e nel riformismo.
In Russia, sempre più separata dall’Europa per gli effetti della rivoluzione bolscevica, si avviano i nuovi programmi comunisti per far fronte alla carestia e al disordine politico derivato dal conflitto e della guerra civile. Intanto, il segretario del partito comunista Stalin manovra per diventare il successore di Lenin, il quale, malato e ferito, muore nel 1924.
Nell’Italia paralizzata dagli scioperi operai il governo tollera l’attività illegale di squadre private, i primi nuclei fascisti, per sedare la crescente minaccia comunista. Anche in Germania le tensioni sociali preparano il terreno all’ascesa della destra nazionalista.

Tags

Condividi questo articolo

Inserisci il codice nel tuo articolo